Ultima modifica: 28 febbraio 2017
> Orientamento

Orientamento

Visita al Dipartimento di Scienze Chimiche e Farmaceutiche dell’Università e al Sincrotrone di Trieste – 2 febbraio 2017
Le classi  4A e 5A, assieme alle due quinte dell’IPSIA, giovedì 2 febbraio 2017 hanno visitato il Dipartimento di Scienze Chimiche e Farmaceutiche, seguendo una lezione universitaria per gruppo: “Le proteine in 3D” con il prof. Silvano Geremia e “Sapori, odori, molecole. La chimica del gusto” con il prof. Fabio Benedetti. Poi, a gruppetti e accompagnati da alcuni studenti-ricercatori, hanno potuto capire come si lavora nei vari laboratori.
L’impressione è stata positiva, anche perché dall’aspetto teorico si è passati a quello pratico e si è anche constatato come lavora un ricercatore. “In un laboratorio – riferisce uno studente- un professore (Prof. Tavagnacco) ha fatto un esperimento  sul trasferimento di elettroni facendoci alimentare un orologio”. “Il concetto che maggiormente ho acquisito attraverso questa esperienza – aggiunge un altro –  è stato quello di comprendere il funzionamento di un’Università, sia come è strutturata al suo interno, come ci si muove e si studia, sia le conoscenze che l’università ti può donare e far apprendere”
Al pomeriggio si è passati dalle Scienze alla Fisica, visitando il centro di ricerca internazionale multidisciplinare di eccellenza,  specializzato nella generazione di luce di sincrotrone e di laser ad elettroni liberi di alta qualità  e nelle sue applicazioni nelle scienze dei materiali e della vita. Le principali risorse del centro di ricerca sono due sorgenti avanzate di luce, l’anello di accumulazione Elettra ed il laser a elettroni liberi (FEL) FERMI. Operative con continuità (H24), esse forniscono nel complesso luce di “colore” e qualità definita ad oltre 30 stazioni sperimentali che consentono di caratterizzare la struttura e la funzione dei materiali, con sensibilità fino al livello molecolare e atomico. Questi potenti mezzi sono utilizzati da una vasta comunità di ricercatori provenienti dall’accademia e dall’industria per fabbricare nanostrutture e dispositivi, nonché sviluppare nuovi processi tecnologici.
“La cosa nuova che ho imparato – riferisce una studentessa – è stato il funzionamento del sincrotrone e del Fermi, come funziona e in parte anche come è stato costruito. Appena arrivati, ci hanno accolti facendoci vedere un video. Successivamente  la nostra guida ci ha spiegato in maniera esaustiva come funziona la struttura, ma probabilmente presumeva che avessimo più conoscenze di fisica nell’ambito elettromagnetico. Avrei preferito visitare i luoghi di lavoro e vedere come i ricercatori analizzano i dati, invece di una spiegazione puramente teorica”

INCONTRO CON GLI EX-STUDENTI
Aula magna 12 febbraio 2016

L’attività di orientamento più attesa e desiderata da parte da tutti gli studenti delle quinte:  le ultime due ore della mattinata di venerdì 12 febbraio 2016, in AULA MAGNA.  Dopo aver inviato circa 250 mail e messaggi  Facebook, sono giunte più di una decina di adesioni, ma alcune rimaste ancora in dubbio. Quindi è arrivato un QUINTETTO DI QUALITA’: Bortolo Cecchini, Sara Biamonte,  Giulia Ruocco, Omar Polo e Giada Cuccarollo.
Il mattatore dell’incontro è stato certamente Bortolo Cecchini con la sua verve, una quantità di consigli pratici e considerazioni  sul modo migliore di prepararsi  per  riuscire nei corsi universitari. Non sono mancati racconti dettagliati di esperienze significative, che hanno stuzzicato la curiosità fino a prolungare il dialogo anche alla fine dell’incontro.
Grande anche Giulia Ruocco, con  la sua esperienza universitaria in “Scienze Forestali” a Padova. Si è subito notato chi era interessato, perché  ha posto domande pertinenti e accurate. Ma vedere una ragazza così agguerrita e decisa, con un aspetto così delicato e gentile, ha rinfrancato i cuori dei dubbiosi,  confermando la validità di affrontare dipartimenti con corsi di studio alquanto impegnativi e difficili.
Da Sara Biamonte (Infermieristica a Pordenone), Giada Cuccarollo (Odontoiatria e Protesi  Dentaria a Trieste) e Omar Polo (Informatica a Udine),  abbiamo avuto varie indicazioni sul modo di affrontare gli esami con fiducia e determinazione, finalizzando lo studio ad un vero apprendimento per la vita e per il lavoro.

Incontro con gli ex studenti

Immagine 1 di 3

Da sinistra: Omar Polo, Giada Cuccarollo, Giulia Ruocco e Sara Biamonte


 

 

STUDENT DAY all’UNIVERSITA’ DI UDINE
19 febbraio 2916

Venerdì, 19 febbraio 2016, le due classi quarte e metà studenti delle quinte del Liceo hanno partecipato alla giornata di Orientamento Universitario denominata “Student Day”. Dicesi giornata, perché c’erano anche attività pomeridiane aperte anche ai genitori degli studenti per dialogare sul modo migliore di preparare i figli all’Università e rispondere alle loro domande su dubbi e problemi.
La mattinata si è svolta in maniera vivace e movimentata. Una volta arrivati ai “Rizzi” le studentesse e gli studenti hanno affollato il corridoio disseminato di banchetti dei vari dipartimenti e servizi universitari. Confrontarsi con gli studenti stessi, chiedere informazioni e depliant è stato utile e fruttuoso. Nelle varie sale poi si sono svolti gli incontri sui diversi corsi di studio, tenuti da docenti e studenti universitari. Anche qui studentesse e studenti hanno potuto porre domande per capire meglio come si frequenta l’università in modo proficuo.
Uno studente di “Giurisprudenza” ha ribadito la necessità di scegliere secondo le proprie inclinazioni e passioni; ma questo non può esimere dalla necessità di studiare, faticare sui libri, essere costanti alle lezioni e mettersi in gioco per sviluppare le proprie capacità e competenze. Perché alla fine ciò che conta non è il diploma, ma essere veramente preparati ad un lavoro.
C’è stata anche una nota polemica su questa Università, definendola un’illusione venduta a caro prezzo, perché poi non si trova subito un lavoro. Il movimentato dibattito ha svegliato le menti, i cuori e le volontà degli studenti facendo capire loro che lo studio, se non è coniugato con una propensione all’eccellenza e alla voglia di impegnarsi e riuscire, non porta da nessun parte.

Student Day - Università di Udine


 

PUNTO D’INCONTRO ALLA FIERA DI PORDENONE
Venerdì 6 novembre 2015

“Punto d’Incontro: la fiera della formazione, del lavoro e dell’orientamento” così è stata definita la giornata a cui sono state invitate le classi Quarte e Quinte di tutti gli Istituti Superiori del Pordenonese. Infatti erano presenti i vari enti di formazione, dallo IAL alle varie Università (Padova, Trieste, Udine, Gorizia, Pordenone, Venezia e Milano), dai professionisti di vari ambiti (avvocati, ingegneri, esperti di informatica e robotica) alle varie armi (esercito, carabinieri, marina, finanza ecc).
L’Ufficio Scolastico Regionale ha organizzato l’iscrizione ai workshop, per fare in modo che le diverse sale venissero programmate in base ai numeri degli iscritti e agli orari della mattinata. Molti studenti (quasi tutti) vi si sono iscritti e hanno detto di aver ottenuto vantaggi per l’orientamento. In particolare il settore delle lingue, con esercitazioni di comprensione, ricerca e dialogo, e i vari test Hoepli come esercitazione- preparazione ai test d’ingresso universitari.
Tornando a casa, gli studenti hanno espresso la soddisfazione per le esperienze vissute a contatto con vari professionisti, con gli esperti del COR (Centro Regionale di Orientamento) e con le diverse Università. E’ quindi scaturita la voglia di approfondire la conoscenza in modo più diretto e personale. Particolare rilievo hanno avuto le imprese che hanno approfondito il modo di presentarsi nelle aziende per il colloquio di lavoro e per la compilazione di un Curriculum Vitae, che aiuti veramente a trovare lavoro.

Docenti e studenti a "Punto d'incontro" - Pordenone

Immagine 1 di 4

Docenti e studenti a "Punto d'incontro" - Pordenone


PORTE APERTE UNIVERSITA’ DI TRIESTE
22-23 ottobre 2015

La prima uscita delle classi quinte per l’Orientamento è stata la manifestazione “Porte Aperte all’Università di Trieste”. Come ogni anno l’ufficio di Orientamento di questa Università manda alle Scuole Superiori il programma di presentazione dei vari Dipartimenti.
Gli studenti del “Torricelli”  vi si sono iscritti liberamente, secondo i rispettivi interessi. Ne è uscita un’evidente richiesta a maggioranza di organizzare una corriera per il  23 ottobre, giorno riservato alle facoltà umanistiche e di lingue.
E’ stata una bella esperienza piena d’entusiasmo e d’una ricchezza immensa di informazioni. Molti studenti hanno riportato documenti scritti, attestati e anche la voglia di ritornarci dopo l’esame di maturità.

Docenti - Porte Aperte all’Università di Trieste

Immagine 1 di 3

Docenti - Porte Aperte all’Università di Trieste




Questo sito utilizza alcuni cookie per assicurare la migliore esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento si acconsente al loro impiego. Per maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi